top of page

FIERA DELLA SPERANZA, DE CORATO: LETTERA A COMUNE, PREFETTO, QUESTORE DI MILANO E COMANDANTE PROVINC

In seguito alla mozione approvata martedì 2 aprile in Consiglio Regionale all’unanimità riguardante la “Fiera della speranza” del 20 e 21 aprile e le conseguenti preoccupazioni espresse per la presenza, fra i relatori, di predicatori vicini al radicalismo islamico, ho inviato una lettera al Prefetto, Sindaco e Questore di Milano, al Comandante provinciale dell’Arma dei Carabinieri e alla Guardia di Finanza.

Con questa lettera ho voluto innanzitutto ribadire quanto sia inammissibile che a Milano, proprio mentre è in corso il dibattito sulla presenza dei luoghi di culto islamici occupanti spazi che, in molti casi, contrastano con le norme urbanistiche e di sicurezza, si possa accettare lo svolgimento di una simile manifestazione che, anche se ospitata in spazi privati e regolarmente affittati, veda nel programma personaggi che possono diffondere idee in palese contrasto con la Costituzione italiana. Come Jasem al Mutawa predicatore della superiorità di genere e fautore delle punizioni corporali alle donne, l'imam che su internet, bastoni in mano, insegnava come si educano davvero le mogli; Abdel Mourou, leader spirituale di Al Nahda, sostanzialmente la versione tunisina dei Fratelli Musulmani;

e Rajab Zaki, l'Imam della moschea di Finsbury Park, considerato l'epicentro dei Fratelli Musulmani inglesi.

Nella nostra regione, negli ultimi anni, sono stati numerosi i casi riguardanti imam e predicatori segnalati alle Forze dell’Ordine ed espulsi per incitazione alla violenza e al terrorismo. Proprio per questo, facendo mie le preoccupazioni ed i timori espressi nella Mozione di martedì, ho voluto invitare il Comune di Milano, la Prefettura, la Questura e le Forze dell’Ordine ad assumere ogni iniziativa utile ad evitare che alla manifestazione possano partecipare gli “ospiti” sopra, e nella Mozione, citati e ad assicurare il pieno controllo del programma e, soprattutto, degli ospiti dell'evento, con particolare riguardo alla presenza di oratori con comprovata vicinanza al radicalismo islamico e diffusori di idee incompatibili con le Leggi dello Stato italiano.

Post in evidenza
Post recenti
Archivio
Cerca per tag
Seguici
  • Facebook Basic Square
  • Twitter Basic Square
  • Google+ Basic Square
bottom of page