MILANO, AMMINISTRATIVE, DE CORATO: “SALA VANEGGIA DI NUOVE METROPOLITANE E NE STA FINENDO UNA.."

MILANO, AMMINISTRATIVE, DE CORATO: “SALA VANEGGIA DI NUOVE METROPOLITANE E NE STA FINENDO UNA CON 9 ANNI DI RITARDO, STRAPARLA DI CITTA’ IN 15 MINUTI DOPO AVER INTASATO IL TRAFFICO CON FASULLE PISTE CICLABILI E PARLA DI SICUREZZA, MENTRE CON LUI IL CAPOLUOGO E’ LA CITTA’ PIU’ INSICURA D’ITALIA COME HA SEGNALATO IL SOLE 24 ORE”


Milano (24 settembre 2021)- “Sala, oggi, ha parlato di nuove metropolitane, della città in 15 minuti, della sicurezza e di 500 nuovi vigili”, afferma Riccardo De Corato, Membro della Direzione Nazionale di Fratelli d’Italia in merito alle dichiarazioni del sindaco Sala al dibattito pubblico tra i candidati sindaco alle prossime elezioni comunali, ospitato dalla Confcommercio in corso di Porta Venezia.

“Bene, per quanto riguarda la questione delle metropolitane, visti i risultati di M4, che avrebbe dovuto essere pronta per Expo 2015 e, forse, lo sarà nel 2024, con 9 anni di ritardo ed un costo di 300milioni di euro in più, i milanesi possono stare più che sereni: oltre che cantieri non vedranno almeno per dieci anni.

La città in 15 minuti, invece, è alquanto ambiziosa e irrealizzabile specialmente in alcuni quartieri visto che, cospargendo Milano di chilometri di insicure piste ciclabili, ha intasato il traffico nel quale, di conseguenza, rimane bloccato anche il trasporto pubblico di superficie. Gli effetti della sua ‘lotta alle auto’ colpiscono, inevitabilmente, anche i mezzi di superficie.

Sul tema della sicurezza è meglio stendere un velo pietoso. Dice che per lui questo argomento non è ‘affatto secondario’ eppure, in questi anni, ha lasciato la città in mano all’insicurezza come dimostrano le classifiche sull’indice di criminalità realizzate dal Sole 24 Ore analizzando dati Istat e del Ministero dell’interno. Milano guidava in negativo questa classifica nel 2015 e dal 2017 al 2020, nel 2016 era al secondo posto. Anche per quanto riguarda ‘la qualità della vita’ nell’indicatore riguardante la sicurezza e la giustizia è sempre agli ultimi posti: alla 110ᵃ (e ultima) posizione nel 2017, alla 91ᵃ nel 2018, alla 107ᵃ (e ultima) nel 2019 e alla 106ᵃ nel 2020.

Per quanto riguarda, invece, l’assunzione dei 500 vigili che sbandiera da tempo Sala, invece, c’è da dire che non sarebbe un qualcosa in più, ma semplicemente si tratta di riequilibrare quelli che mancano adesso rispetto a quando c’era il centrodestra. Quando abbiamo lasciato la guida di Palazzo Marino c’erano 3.200 vigili. Oggi, secondo quanto affermato in Consiglio Comunale dalla vice Sindaco Scavuzzo rispondendo ad una mia interrogazione, sono solo 2.813, di cui 1.351 in servizio esterno”, conclude De Corato.


Dichiara Massimo Girtanner, già presidente di Municipio 6, candidato al Consiglio Comunale: “Per assumere 500 vigili ci vorrà molto tempo, forse anni, nel frattempo cosa pensa di fare Sala? Ci vogliono i militari, come ripetiamo da tempo, a presidio della città! In questi anni, per la Giunta, parlare di sicurezza era tabù. A poco dalle elezioni si accorgono che questa tematica esiste. Peccato che in questi anni di governo del centrosinistra, Milano sia stata lasciata in balia di spacciatori, malviventi e balordi di ogni genere”.


Post in evidenza
Post recenti
Archivio
Cerca per tag
Seguici
  • Facebook Basic Square
  • Twitter Basic Square
  • Google+ Basic Square