top of page

MILANO, QUESTORE EMETTE 16 ORDINI ALLONTANAMENTO, DE CORATO: “PETRONZI FA QUELLO CHE NON HANNO FATTO

MILANO, QUESTORE EMETTE 16 ORDINI ALLONTANAMENTO, DE CORATO: “PETRONZI FA QUELLO CHE NON HANNO FATTO COMUNE E POLIZIA LOCALE. QUESTURA FA FRONTE A DEGRADO IN PARCHI E AREE FERROVIARIE. TELECAMERE E CONTROL ROOM ALLE CAVE E AL VETRA DOVE SONO FINITE? DISATTIVATE DA CSX? SERVONO PIU’ VIGILI E PIU’ MILITARI PER LE STRADE”

Milano (03 settembre 2021)- “Ringrazio il Questore di Milano, Giuseppe Petronzi, per il continuo impegno nel contrastare situazioni di degrado e molestie in diverse zone della città”, afferma Riccardo De Corato, Membro della Direzione Nazionale di Fratelli d’Italia in merito ai 16 ordini di allontanamento emessi ieri dal Questore nei confronti di altrettante persone che gravitavano nelle aree di piazza Vetra e della limitrofa Basilica di San Lorenzo Maggiore nonche' vicino alla stazione Fs San Cristoforo e del parco delle Cave.

“Servirebbe un daspo definitivo per certi balordi, ma giustamente il Questore va per gradi! Questi provvedimenti mettono in luce che il Comune, con la Polizia Locale, è inesistente e che al degrado diffuso in tutta la città deve far fronte solo la Questura. Il problema dei bivacchi nelle aree verdi e nei pressi delle stazioni riguarda tutta la città. Al parco delle Cave, come anche a quello di piazza Vetra, il centrodestra aveva predisposto un sistema di videosorveglianza, nel primo caso a raggi infrarossi, collegato ad una control room che prevedeva anche la presenza fissa di un paio di auto della Polizia Locale pronte ad intervenire qualora sui monitor venissero rilevati comportamenti illeciti di delinquenti all’interno dell’area. Visto che per rispristinare il decoro in questi due parchi è dovuta intervenire la Questura, probabilmente i sistemi di videosorveglianza e le control room sono stati abbandonati e dismessi dal centrosinistra. Dei quattro bivaccatori allontanati da piazza Vetra uno è italiano, mentre gli altri sono un rumeno e due egiziani.

Per quanto riguarda i bivacchi all’esterno delle stazioni, invece, come segnalo da tempo, si tratta di una problematica comune a tutti gli scali ferroviari milanesi, in particolar modo quelli di Garibaldi e Centrale.

Sicuramente è fondamentale che la Questura proceda con questi controlli mirati nelle aree più critiche della città nelle quali si concentrano maggiormente balordi e sbandati, ma altrettanto sicuramente è necessaria un’inversione di rotta da parte del Comune sul tema della sicurezza e del controllo della città. Servono più agenti di Polizia Locale per le strade di Milano e servono i 436 militari messi in campo nel 2009, quando governava la città il centrodestra con l’operazione ‘Stade Sicure’ che portarono ad una riduzione dei reati del 40%. Tolti da Pisapia, infatti, ne sono stati rimessi dall’attuale primo cittadino solo un centinaio”, afferma Riccardo De Corato, Membro della Direzione Nazionale di Fratelli d’Italia in merito agli ordini di allontanamento emessi ieri dal Questore.

Aggiunge Massimo Girtanner, già presidente di municipio 6, candidato al Consiglio Comunale di Milano: “Dopo dieci anni di abbandono della città da parte del centrosinistra, che ha sempre visto nel presidio del territorio da parte della Polizia Locale, Forze dell’Ordine e Militari qualcosa di negativo, sicuramente c’è molto lavoro da fare dal punto di vista della sicurezza. Parlare di questo argomento è un tabù per la sinistra. I milanesi, se non vogliono essere sempre primi nelle classifiche stilate in base ai dati del Ministero come città più insicura d’Italia, devono cacciare Sala da Palazzo Marino”.

Commenti


Post in evidenza
Post recenti
Archivio
Cerca per tag
Seguici
  • Facebook Basic Square
  • Twitter Basic Square
  • Google+ Basic Square
bottom of page